facebook

Il Club 41 Vicenza 27 ha deciso di aiutarci nel nostro progetto di rifacimento dei bagni attraverso una sottoscrizione nel Giornale di Vicenza. Per rafforzarla e permettere anche il più facile invio di piccoli importi, abbiamo in questi giorni lanciato un crowdfunding sulla piattaforma produziondalbasso.com

Continua a leggere e scopri come puoi contribuire!

 

corsa sui sacchi

Chi siamo

Il Villaggio Sos di Vicenza dal 1981 si è adoperato per garantire interventi e servizi di accoglienza ai minori e alle loro famiglie su richiesta dei servizi sociali di riferimento. Vogliamo garantire “il calore di una casa per ogni bambino”, perché ciascuno ha il diritto di crescere in un ambiente familiare amorevole, insieme ai propri fratelli e sorelle naturali, sotto la guida di un adulto che ha a cuore il suo sviluppo, all’interno di una vera comunità. Si tratta di un'accoglienza temporanea, fino a quando i servizi sociali e i tribunali dispongono il rientro nella famiglia di origine o l'affido e l'adozione.

Il nostro progetto

Abbiamo bisogno di te!

Le case famiglia sono organizzate in modo da ospitare contemporaneamente 6 tra bambini e ragazzi oltre agli educatori residenziali; vogliamo mettere loro a disposizione un ambiente accogliente e familiare, quindi ogni casa ha una zona giorno con salotto e cucina, le camere, la camera dell’educatrice residenziale e due bagni.

Gli impianti idraulici purtroppo sono rimasti quelli di 40 anni fa. Pensa se il tuo bagno di casa fosse utilizzato da 7 persone tutti i giorni! Sicuramente l’usura sarebbe importante e servirebbe un intervento strutturale intenso.

In questi anni abbiamo cercato di intervenire, per quanto possibile, sistemando le piccole rotture, ma ultimamente quest’ultime sono sempre più frequenti e complicate da risolvere, comportando una spesa eccessiva in termini di tempo e denaro.

Ora tu puoi aiutarci a ristrutturare un bagno e a rendere la qualità della vita dei ragazzi migliore!

Crowdfunding bagni

Con 15€, per esempio, potrai donare un metro quadrato di piastrella in gres

Con 30€, per esempio, potrai donare un’ora di lavoro dell’idraulico

Con 50€, per esempio, potrai donare la rubinetteria

Con 100€, per esempio, potrai donare il lavabo

Con 500€, per esempio, potrai donare la doccia completa

Scegli come contribuire oppure fai una donazione libera e indicaci cosa ti piacerebbe donare!
Ogni pezzo è indispensabile, non si può avere una doccia senza pareti o un vaso senza bidet!

Grazie.

Per contribuire hai diverse possibilità:

- Vai al seguente link https://www.produzionidalbasso.com/project/unacasapiubella/ e segui le istruzioni di donazione, scegli una ricompensa o fai una donazione libera!

- Tramite bonifico all'iban IT33O0501811800000012347167

- In contanti in Viale Trieste 166, chiedendo di Silvia

- Tramite il bottone DONA ORA in fondo a questa pagina!

Grazie.

SOS VILLAGGI DEI BAMBINI PRESENTA L’EVENTO #DIRITTICHEVORREI
PER CELEBRARE LA RATIFICA DELLA CONVENZIONE ONU SUI DIRITTI DELL’INFANZIA
A Vicenza le sagome colorate di #dirittichevorrei in corte dei Bissari al Dabar del Festival Biblico.
 


In occasione della celebrazione della ratifica della Convenzione Onu sui Diritti dell’Infanzia (il 27 maggio), SOS Villaggi dei Bambini accende i riflettori sulla partecipazione di bambini e ragazzi nelle scelte e nelle decisioni che li riguardano e lancia un importante messaggio: “Nessun bambino nasce per crescere da solo”
WhatsApp Image 2018 05 23 at 15.33.13Oggi a Roma si sta svolgendo il flashmob #dirittichevorrei, con il patrocinio del Municipio Roma I Centro: 25 sagome di bambini con adulti rappresentanti scene di vita quotidiana e colorate si trovano in una piazza romana insieme a tante persone, tra cui 50 bambini e insegnanti della scuola primaria “Istituto Comprensivo Parco degli Acquedotti”, per questa occasione speciale.
Una festa che coinvolge i bambini e i Minori Stranieri Non Accompagnati sostenuti e accolti nei Villaggi e i Programmi SOS in tutta Italia: da Crotone a Morosolo fino ad Ostuni, Roma, Saronno e Vicenza. Nella nostra città, le sagome dipinte dai bambini del Villaggio saranno da oggi e fino a domenica sera al Dabar del Festival Biblico in corte dei Bissari, attorno alla casetta di Pane Quotidiano.
Correre, giocare, esplorare e scoprire. Sono le tappe della vita di ogni bambino, ma per 1,3 milioni di bambini che vivono in condizioni di povertà e 91.000 minorenni vittime di maltrattamenti nel nostro Paese non è così. Sono oltre 26.000 i bambini e ragazzi accolti fuori dalla propria famiglia di origine e ogni anno, nel nostro Paese, sono circa 3.000 i care leavers- ovvero i giovani che in base alla nostra legislazione, raggiunta la maggiore età non possono più beneficiare della cura, della protezione e della tutela garantite dalla realtà di accoglienza residenziale - costretti, senza avere le necessarie tutele, ad avviarsi verso un percorso di autonomia economica e lavorativa. Proprio per questo SOS Villaggi dei Bambini si impegna costantemente nell’accompagnare i giovani in uscita da percorsi di accoglienza nei Villaggi SOS, attraverso progetti socio-educativi personalizzati, finalizzati all’inserimento sociale e lavorativo.
L’evento #dirittichevorrei è stata l’occasione per ribadire l’impegno di SOS Villaggi dei Bambini al fianco di bambini e ragazzi privi di cure familiari o a rischio di perderle, permettendo loro di crescere con il sostegno necessario per affrontare le tante sfide che gli si presentano durante tutte le fasi della propria vita, fino a diventare adulti indipendenti e autonomi. Per i tanti bambini e ragazzi che crescono fuori famiglia, infatti, la mancanza dell’affetto dei propri cari potrebbe influire nelle loro scelte e nel processo di crescita.

#dirittichevorrei mira a sensibilizzare istituzioni e opinione pubblica sull’integrale applicazione della Convenzione Onu sui Diritti dell’Infanzia, a cui l’Italia ha aderito il 27 maggio 1991, che ha proprio l‘obiettivo di riconoscere i bambini e i ragazzi prima di tutto come persone con proprie competenze e opinioni. Oltre a questo principio la Convenzione si fonda sul principio di non discriminazione, su quello di superiore interesse e di diritto alla vita.
“Siamo orgogliosi e felici di poter celebrare questa giornata di festa insieme a così tanta gente e in mezzo a tanti bambini - ha dichiarato Roberta Capella,

WhatsApp Image 2018 05 24 at 08.07.31Direttore Generale di SOS Villaggi dei Bambini -. Una giornata che vuole ricordare ad istituzioni, opinione pubblica, operatori del settore ed educatori che ogni bambino e ragazzo deve essere in grado di potersi esprimere liberamente ed essere ascoltato. SOS Villaggi dei Bambini si impegna quotidianamente per garantire la partecipazione attiva di bambini e ragazzi in ogni fase del processo decisionale della propria vita, affinché ogni giovane abbia la sua opportunità per diventare un adulto indipendente e autonomo”. 
In questa direzione possiamo segnalare un primo importante passo in avanti. Il prossimo 29 maggio, infatti, una delegazione del gruppo giovani di SOS Villaggi dei Bambini sarà ricevuta in audizione presso l'Osservatorio Nazionale per l'Infanzia e l'Adolescenza, dove porterà la propria esperienza e inviterà i membri dell'Osservatorio a riflettere sul tema dell'ascolto di bambini e ragazzi nella fase di accoglienza, evidenziando quanto sia ancora necessario e importante assicurare a tutti i bambini che vivono fuori alla famiglia di origine la partecipazione al proprio progetto di vita. Un’audizione che, per la prima volta, integrerà l'esperienza diretta dei ragazzi nella fase di valutazione del nuovo Piano Nazionale, facendo sì che questo venga monitorato, anche e soprattutto, attraverso il coinvolgimento e l'ascolto di chi ne è direttamente interessato.

Riparte la campagna contro la povertà educativa "Illuminiamo il futuro" di Save the children: nel nostro Paese un bambino su 10 vive in povertà assoluta.

Un Paese vietato ai minori, dove quasi 1 milione e trecentomila bambini e ragazzi – il 12,5% del totale, più di 1 su 10 – vivono in povertà assoluta, oltre la metà non legge un libro, quasi 1 su 3 non usa internet e più del 40% non fa sport. Ma, soprattutto, un Paese dove i minori non riescono a emanciparsi dalle condizioni di disagio delle loro famiglie e non hanno opportunità educative e spazi per svolgere attività sportive, artistiche e culturali, sebbene siano moltissimi i luoghi abbandonati e inutilizzati che potrebbero invece essere restituiti ai bambini per favorire l’attivazione di percorsi di resilienza, grazie ai quali potrebbero di fatto raddoppiare la possibilità di migliorare le proprie competenze.

Campania, Sicilia, Calabria, Puglia e Molise occupano i primi cinque posti della triste classifica della povertà educativa in Italia, secondo il nuovo indice di povertà educativa (Ipe) elaborato dall’Organizzazione. Regioni in cui bambini e i ragazzi sono maggiormente privati delle opportunità necessarie per apprendere, sperimentare e coltivare le proprie capacità, nonché della possibilità di sviluppare percorsi di resilienza necessari per superare ostacoli e condizioni di svantaggio iniziali. A fare da contraltare, Friuli Venezia Giulia, Lombardia, Piemonte e Emilia Romagna che si segnalano invece come le aree che offrono maggiori opportunità educative per i minori.
"Dobbiamo fare di tutto per restituire ai minori questi luoghi e per incentivare la loro capacità di resilienza, la loro volontà e determinazione a nuotare contro corrente, a superare le onde degli ostacoli che sono costretti ad affrontare ogni giorno e a spezzare così finalmente il circolo vizioso della povertà”, ha affermato Valerio Neri, Direttore Generale di Save the Children, nel lanciare la petizione online #ItaliavietatAiminori, per chiedere che tutti gli spazi abbandonati, spesso lasciati nel completo degrado, vengano restituiti ai bambini e siano dedicati ad attività sportive, educative e culturali gratuite.

A sostegno della petizione, l'ong ha realizzato un reportage fotografico dei 10 luoghi simbolici di questa Italia "vietata ai minori".

IL PARLAMENTO – UN’ISTITUZIONE VIETATA AI MINORI
Il Parlamento, il luogo per eccellenza dove troppo spesso i diritti dei minori vengono ignorati e la loro voce resta inascoltata.

3 MILANO

L’AQUILA – UNA CITTA’ VIETATA AI MINORI
L’Aquila, la città simbolo vietata ai minori – ma anche agli adulti – che a nove anni dal terremoto vede ancora i bambini e i ragazzi privati della possibilità di tornare a studiare nelle loro scuole e degli spazi educativi e ricreativi di cui hanno bisogno.

PALERMO – ASILO NIDO GALANTE, QUARTIERE DANISINNI
Nel quartiere di Danisinni, una borgata fortemente degradata alla periferia di Palermo, ormai dal 2007 è stato chiuso l’Asilo Nido comunale “Galante”, dopo essere stato avviato ad una ristrutturazione pe adeguamenti che non ha mai visto la luce.

MILANO – SCUOLA ELEMENTARE ENRICO FERMI, BAGGIO
La scuola elementare di Via Cabella, nel quartiere Baggio, dopo un breve periodo come scuola superiore, è stata chiusa per problemi legati alla struttura. Ormai da 20 anni versa in stato di completo abbandono. Scuola, palestra e giardino sono incustoditi.

NAPOLI – PARCO SAN GENNARO, RIONE SANITA’
Il parco è stato realizzato nel 2008 nel Rione Sanità, un rione popolare ad alta densità abitativa (dove c’è completa assenza di spazi verdi). Nel maggio del 2011 l’amministrazione comunale ha deciso per la sua chiusura a causa di atti di vandalismo che lo hanno reso inagibile. All’epoca i residenti, con l’appoggio di diverse associazioni, si rimboccarono le maniche e lo riaprirono al pubblico nell’aprile 2014. A partire da quel momento il parco è stato più volte chiuso e riaperto.

ROMA, OSTIA – SKATE PARK, VIA DOMENICO BAFFIGO
Il 14 agosto 2013 i Carabinieri ponevano sotto sequestro la struttura che da circa 10 anni era gestita dall’associazione “The Spot” presieduta da William Zanchelli come “Skate Park” nella quale erano stati realizzati anche eventi internazionali come il “World Cup Skateboarding. Il sequestro da parte dei Carabinieri, fu effettuato per “abuso edilizio” e rientrava in una serie di operazioni condotte a Ostia grazie alle quali finì in manette un dirigente locale della pubblica amministrazione. In seguito lo Skate Park è stato più volte vandalizzato e attualmente versa in uno stato di forte degrado dovuto anche all’utilizzo improprio della struttura.

ROMA – PONTE DI NONA, PARCO
Il parco si trova tra via Marcello Candia e via Albert Schweitzer e sorge al centro di altri due parchi che versano nella stessa condizione di abbandono e degrado. In uno dei parchi adiacenti, inoltre, in via Padre Damiano De Veuster, si può rinvenire un anfiteatro, una pista di pattinaggio e una pista ciclabile. Il parco versa in uno stato di forte degrado: l’erba è alta, le panchine così come i giochi per bambini sono rotti, spesso si rinvengono siringhe, i tubi delle fognature sono rotti, vi è una discarica a cielo aperto dove viene buttato di tutto, nella vasca del parco di via Marcello Candia si possono trovare perfino i carelli della spesa del centro commerciale Unico.

PALERMO– SPIAZZO DI VIA COPPI – ZEN 2
Il quartiere non ha una piazza, uno spazio dove i bambini possono giocare in tranquillità e senza pericoli, l'unico spazio, prevalentemente privata (solo due piccole particelle sono comunali) attualmente è una discarica a cielo aperto, ci sono carcasse di auto, scooter e materiali pericolosi come l’eternit.DISCARICA

REGGIO CALABRIA – PALESTRA QUARTIERE ARGHILLA’
In un quartiere dove otto ragazzi su dieci non giocano, in un contesto di disagio sociale ed economico, i minori del posto non hanno un luogo dove fare sport. La palestra, completata da diversi anni, non è mai stata consegnata e utilizzata. In questi anni, la palestra è stata saccheggiata e derubata. Il ferro e tutte le parte in lamiera sono state sottratte. L’esterno della palestra è diventato una discarica a cielo aperto.

TORINO – TEATRO PRINCIPESSA ISABELLA, QUARTIERE LUCENTO/VALLETTE
A Torino, il teatro Principessa Isabella rappresentava un punto di riferimento per l’intera comunità. Vent’anni fa quando la Principessa Isabella, centro culturale che in principio era un asilo per i figli del borgo ottocentesco, fu occupato dagli squatter, i cittadini di Lucento si inventarono un modo particolare per attirare l’attenzione del sindaco di allora, Valentino Castellani, e chiederne la riqualificazione. Spedirono un migliaio di cartoline - con un’immagine storica, seppiata, di uno degli edifici simbolo del quartiere - per chiedere di creare un teatro, la biblioteca e sale prove musicali e teatrali. Il centro divenne così uno dei luoghi più vivi di questa periferia. Fino all’estate del 2016. quando, dopo alcuni controlli, i tecnici hanno obbligato a chiudere il centro perché non erano rispettate alcune norme sulla sicurezza.

Per leggere l'articolo completo e vedere tutte le foto, vai su Vita.it

2

Grazie a 42 firme Dennis potrà curare le sue "ferite invisibili" attraverso la psicoterapia.

Come lui, molti altri ragazzi del Villaggio SOS ne hanno bisogno. Quest'anno scegli il loro bene.


Se vuoi essere aggiornato sui progressi che ognuno di loro avrà grazie alla tua firma, manda una mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. con lo slogan
"Ci metto la firma!".

Nella dichiarazione dei redditi indica il codice fiscale del Villaggio SOS di Vicenza e apponi la tua firma!

modello 5x1000

Un piccolo gesto può fare la differenza. Grazie.

RaccontiLimbici imgFB Comune HR 1024x576

6 giugno 2018 - ore 19:00 

a Palazzo Cordellina, inaugura Gli Stati della Mente - Festival di Arte e Cultura, l'evento che avvicina Vicenza al tema della salute mentale attraverso la pluralità del linguaggio artistico. Ci saremo anche noi, per farvi degustare le nostre specialità!

10 giugno 2018 - ore 18:30

al Teatro Astra, aperitivo al festival "Gli stati della mente"

 

30 giugno 2018 

notte bianca in centro a Vicenza

Con i bambini e i ragazzi del Villaggio Sos stiamo facendo un percorso verso la festa della mamma, per riflettere insieme e condividere le emozioni che ci suscita il pensiero della figura materna.
WhatsApp Image 2018 04 03 at 14.48.45Un primo momento di condivisione è stato nella base scout Agesci di Costigiola “Ugo Ferrarese”, a Monteviale (VI): una giornata nella quale, divisi in gruppi, abbiamo scritto e disegnato i pensieri che ci suscitano le nostre mamme.

La scorsa domenica, invece, ci siamo immersi nell’arte di Villa Caldogno, accompagnati da Matteo Comito e Arianna Giaretta, dove, attraverso gli affrischi e alcune scenette, siamo andati più in profondità sulla figura materna.

Un altro appuntamento sarà sabato 12 maggio, alle ore 17.30 nel parco del Villaggio Sos in viale Trieste, con la scrittrice Mariapia Veladiano che presenterà il suo ultimo libro, “Lei”, la storia umanissima di ogni madre ed è la storia di Maria raccontata in poesia, in pittura, in musica, nel vetro...

Crediamo fortemente che affrontare il tema della madre con un approccio artistico, possa favorire il coinvolgimento e l'apertura dei ragazzi.

I Collegi del Mondo Unito (United World Colleges - UWC) sono un movimento globale senza scopo di lucro che fa dell’educazione una forza per unire persone, popoli, nazioni e culture per la costruzione della pace e un futuro sostenibile. L’idea prende forma nel 1962, quando viene aperto il primo collegio in Galles. Nel pieno della Guerra Fredda si avverte l’urgenza di coltivare semi di pace attraverso una nuova proposta educativa che sappia trasmettere alle nuove generazioni la collaborazione e la comprensione.

Il metodo nasce dalle grandi intuizioni del tedesco Kurt Hahn, pioniere del rinnovamento dei sistemi educativi in Europa e uno dei padri fondatori del movimento. Hahn era convinto che la scuola dovesse essere una preparazione per la vita e che educare insieme giovani provenienti da differenti parti del mondo avrebbe potuto prevenire conflitti futuri. Oggi esistono 17 Collegi del Mondo Unito in quattro continenti. La maggior parte di essi si occupa dell’educazione di ragazzi tra i 16 e i 19 anni. Qui la loro energia e potenziale innovativo e ideale vengono accompagnati a diventare empatia, responsabilità ed impegno a lungo termine.

collegi del mondoIl percorso consente il conseguimento del Diploma di Baccellierato Internazionale (IB), una qualifica riconosciuta a livello internazionale, nel cui sviluppo il UWC ha giocato un ruolo fondamentale. Il programma di studio, altamente personalizzato, mira ad aiutare ogni studente a riconoscere e far emergere le proprie eccellenze e, al contempo, aiutarlo a riconoscere e far emergere quelle degli altri studenti. Centrali sono la vita in comune e l’apprendimento esperienziale. Il piano di studi è molto impegnativo e prevede, oltre alle attività accademiche classiche, il servizio volontario alla comunità ospitante (con i bambini, gli anziani, nella parrocchia locale, in altre realtà associative, spesso con progetti proposti dai ragazzi stessi e realizzati con l’aiuto di compagni e insegnanti), attività artistiche e sportive all’aria aperta, insieme ai loro docenti e al personale della scuola. Tutti apprendono insieme.

In linea con la convinzione del movimento secondo la quale l’educazione dovrebbe essere indipendente dalle possibilità socio-economiche degli studenti, i ragazzi selezionati ricevono un aiuto finanziario, parziale o totale, grazie a un sistema di borse di studio, sponsorizzate da enti pubblici e/o soggetti privati. Fondamentale è la “celebrazione della differenza”, la quale non viene considerata un problema, bensì una ricchezza per tutte le parti in gioco e una opportunità per allargare lo sguardo, la mente e l’apprendimento. Tutto ciò si esprime in tutti gli aspetti della vita del collegio ed è divenuto un metodo di lavoro in aula. Il metodo educativo sviluppato da UWC può dirsi in sé generativo. Esso si fonda sulla capacità di promuovere il pieno sviluppo dello studente, coltivando e portando a fioritura il loro potenziale intellettuale, morale, estetico, emotivo, sociale, spirituale e fisico, attraverso l’esperienza, l’apprendimento collettivo, la vita di relazione e la condivisione.

Per leggere l'articolo completo vai su generativita.it

Sabato 12 maggio, alle ore 17.00

Nel parco del Villaggio SOS di Vicenza, presenteremo il libro Lei (Guanda, 2017) con l’autrice, Mariapia Veladiano.

lei 194x300

Con Lei, Mariapia Veladiano dà voce a un personaggio unico, Maria di Nazareth, restituendola alla sua piena essenza umana. L’autrice vicentina, vincitrice del Premio Calvino con La vita accanto (Einaudi Stile Libero) e finalista al Premio Strega 2011, ha pubblicato diversi libri: Il tempo è un dio breve (2012), Ma come tu resisti, vita (2013), editi Einaudi; Messaggi da lontano(Rizzoli, 2013), Parole di scuola (Erickson, 2014), Venire al mondo (Il margine, 2015). Per Guanda ha pubblicato Una storia quasi perfetta (2016).

Banco per lInfanzia Ellen HiddingSabato 19 - domenica 20 maggio

Presso il negozio Prenatal del centro commerciale Le Piramidi di Torri Quartesolo, partecipiamo a un'iniziativa promossa da Mission Bambini "il banco per l'infanzia". E' previsto un banchetto, tenuto dai volontari del Villaggio e quelli individuati da Mission Bambini che raccoglieranno vestiti e prodotti da destinare al nostro pogetti e ai nostri bambini. Stiamo cercando volontari che possano coprire, a turni, il sabato dalle 9:30 alle 19:30 e la domenica dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 19:30.

Per info e disponibilità: Silvia 0444/513585, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Domenica 20 maggio, alle 14.30

Nel convento dei Servi di Santa Maria di Isola Vicentina, nell’ambito del Festival Biblico 2018, proponiamo un laboratorio sul pane:
LA TANA DEL PULCINO Entriamo nella tana!
Una storia sul valore della condivisione, dell’amicizia e dell’attesa. Alcune letture e piccoli laboratori aiuteranno ad entrare nel mondo del pane, partendo da un chicco di grano per arrivare a fare nuove scoperte.
Evento a numero chiuso con prenotazione entro il giorno 8 maggio: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., tel. 0444 976131.

Da giovedì 24 a domenica 27 maggio

Sempre durante il Festival Biblico, ci troverete al DABAR in contrà Catena a Vicenza, con i nostri prodotti da forno!

per altre info: http://panequotidianovicenza.it/primavera-2018-il-calendario-degli-eventi/

31 maggio

Welfare minoriAll'auditorium dell'opera della provvidenza Sant'Antonio, Sarmeola di Rubano (PD)

Workshop "Un welfare per i minori è oggi possibile?" 

I DIRITTI DELLA PERSONA DI MINORE ETA’ SONO TUTELATI O VIOLATI?
Le Politiche dichiarate, la Contrazione delle Risorse, la Crisi dei Servizi

DONAZIONI

Iscriviti alla Newsletter

cerca nel sito